Ultime notizie

Rapimento di Robert A. Levinson

Isola di Kish, Iran | 9 marzo 2007

Il programma Rewards for Justice offre una ricompensa di fino a 20 milioni di dollari per informazioni che portino alla localizzazione, ritrovamento e ritorno sano e salvo di Robert A. Levinson. Si ricercano informazioni riguardanti Bob Levinson, un agente speciale del FBI in pensione che è scomparso durante un viaggio di lavoro all’isola di Kish in Iran il 9 marzo 2007. Levinson era andato in pensione dall’FBI nel 1998 e dopo il pensionamento lavorava come investigatore privato. Dalla sua scomparsa, sono rimaste un mistero le circostanze della sua sparizione, dove Levinson si trovi e qual è il suo stato di salute.

(Testo integrale »)

Adnan Abu Walid al-Sahrawi

Ricompensa fino a 5 milioni di dollari USA

Adnan Abu Walid al-Sahrawi (Abu Walid) è il comandante di ISIS, una organizzazione terroristica straniera (FTO) nella regione del Grande Sahara (chiamata anche ISIS-GS). ISIS-GS è emerso quando Abu Walid e i suoi seguaci si sono separati dal gruppo Al-Mourabitoun, una scheggia di al-Qa’ida.

Abu Walid ha dapprima proclamato l’alleanza del proprio gruppo a ISIS nel maggio 2015, e nell’ottobre del 2016 ISIS ha riconosciuto tale alleanza. Con base soprattutto in Mali, lungo il confine Mali-Niger, ISIS-GS ha sotto il comando di Abu Walid rivendicato la responsabilità per numerosi attacchi, compreso l’attentato del 4 ottobre 2017 a una pattuglia congiunta USA – Niger nella regione del Niger di Tongo Tongo, vicino al confine con il Mali, che ha comportato la morte di quattro soldati statunitensi e di quattro soldati nigerini.

(Testo integrale »)

Imboscata in Niger del 2017

Tongo Tongo, Niger | 4 ottobre 2017

Il 4 ottobre 2017, miliziani connessi con il gruppo ISIS – Grande Sahara (ISIS-GS) hanno teso un agguato a un gruppo di forze speciali statunitensi presenti in Niger per addestrare, asssistere e assistere le forze armate nigerine per combattere il terrorismo e associarsi alle forze del Niger vicine al villaggio di Tongo Tongo, sempre in Niger ma vicino al confine con il Mali. L’attacco di ISIS-GS ha comportato la morte di quattro militari statunitensi e di quattro nigerini. Altri due americani e otto nigerini sono rimasti feriti nell’attentato. Il 12 gennaio 2018 il leader Adnan Abu Walid al-Sahrawi di ISIS-GS ha rivendicato la responsabilità dell’agguato.

Rewards for Justice offre una ricompensa di fino a 5 milioni di dollari per informazioni che portino all’arresto o condanna in qualsiasi paese di qualsiasi individuo che abbia responsabilità per questo attentato terroristico.

(Testo integrale »)

Faruq al-Suri

Ricompensa fino a 5 milioni di dollari USA

Faruq al Suri è il comandante dell’organizzazione terroristica Hurras al-Din (HAD). Al- Suri è un veterano di al-Qa’ida (AQ), di cui è stato membro per alcuni decenni. È stato il responsabile dell’addestramento paramilitare con il comandante Sayf al-Adl in Afghanistan negli anni ’90, e ha addestrato combattenti di AQ in Iraq dal 2003 al 2005. Al-Suri era stato in precedenza detenuto in Libano dal 2009 al 2013, e successivamente è divenuto il comandante militare del fronte al-Nusrah, che ha quindi lasciato nel 2016.

Il 10 settembre 2019, il Dipartimento di Stato ha designato al-Suri come Terrorista Globale Specificamente Designato ai sensi dell’Executive Order 13244.

(Testo integrale »)

Sami al-Uraydi

Ricompensa fino a 5 milioni di dollari USA

Sami al-Uraydi è un comandante senior della sharia di Hurras al-Din (HAD). Al- Uraydi ha partecipato in precedenza ad attentati terroristici contro gli Stati Uniti ed Israele. Al-Uraydi è un membro della shura di HAD, il principale organo decisionale del gruppo. Al-Uraydi è stato il responsabile senior del fronte al-Nusrah dal 2014 al 2016, anno in cui ha lasciato il gruppo.

Hurras al-Din è un gruppo affiliato ad al-Qa’ida che è emerso in Siria nei primi mesi del 2018 dopo che diverse fazioni hanno lasciato il Hay’at Tahrir al-Sham (HTS). I comandanti del HAD compreso Al-Urayadi rimangono fedeli a AQ e al suo comandante, Ayman al-Zawahiri.

(Testo integrale »)

Abu ‘Abd al-Karim al-Masri

Ricompensa fino a 5 milioni di dollari USA

Abu ‘Abd al-Karim al-Masri è un membro veterano di al-Qaida (AQ) e comandante senior di Hurras al-Din (HAD). Nel 2018 era un membro della shura di HAD, l’organo decisionale del gruppo, ed è stato il mediatore tra di esso e il fronte al-Nusrah.

Hurras al-Din è un gruppo affiliato ad al-Qa’ida che è emerso in Siria nei primi mesi del 2018 dopo che diverse fazioni hanno lasciato il Hay’at Tahrir al-Sham (HTS). I comandanti del HAD compreso al-Urayadi rimangono fedeli a AQ e al suo comandante, Ayman al-Zawahiri.

(Testo integrale »)

Corpo delle guardie della rivoluzione islamica

Il programma Reward for Justice del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, offre una ricompensa di fino a 15 milioni di dollari per informazioni che portino alla dissoluzione dei meccanismi finanziari del Corpo delle guardie della rivoluzione islamica dell’Iran (IRGC) e delle sue unità, fra cui la Forza Quds (Pasdaran). L’IRGC ha finanziato numerosi attentati e attività terroristiche in tutto il mondo. La Forza Quds gestisce le attività terroristiche dell’Iran all’estero tramite le organizzazioni Hezbollah e Hamas.

Il Dipartimento di Stato offre una ricompensa per informazioni sulle fonti di reddito del IRGC, della Forza Quds, delle sue ramificazioni o dei suoi principali meccanismi di facilitazione fra cui:

(Testo integrale »)

Mu‘taz Numan ‘Abd Nayif Najm al-Jaburi

Ricompensa fino a 5 milioni di dollari USA

Mu‘taz Numan ‘Abd Nayif Najm al-Jaburi, noto anche con lo pseudonimo di Hajji Taysir, è uno dei comandanti di ISIS, lo Stato Islamico dell’Iraq e della Siria e membro dell’organizzazione che lo ha preceduto al-Qa’ida in Iraq (AQI).

Al-Jaburi ha organizzato la produzione di bombe per attività terroristiche e di insurrezione di ISIS.

(Testo integrale »)

Sami Jasim Muhammad al-Jaburi

Ricompensa fino a 5 milioni di dollari USA

Sami Jasim Muhammad al-Jaburi, noto anche con il nome di Haiji Hamid è uno dei comandanti di ISIS, lo Stato Islamico dell’Iraq e della Siria e membro di al-Qa’ida in Iraq (AQI) l’organizzazione che lo ha preceduto. Muhammad al-Jaburi è stato fondamentale per la gestione delle operazioni terroristiche di ISIS.

Quando era uno dei vice comandanti di ISIS nel sud di Mosul nel 2014, questi era praticamente il ministro delle finanze di ISIS, controllando le operazioni finanziarie dell’organizzazione, derivanti dalla vendita illecita di petrolio, gas, oggetti d’antiquariato e minerali.

(Testo integrale »)

Amir Muhammad Sa’id Abdal-Rahman al-Mawla

Ricompensa fino a 5 milioni di dollari USA

Al-Mawla, noto anche con il nome di Hajji ‘Abdallah, è uno dei principali comandanti dello Stato Islamico (ISIS). In precedenza era stato uno studioso di religione di al-Qa’ida in Iraq (AQI), l’organizzazione che ha preceduto ISIS, facendo carriera fino a ricoprire un ruolo di comando per ISIS.

Hajji ‘Abdallah è uno degli ideologi più importanti di ISIS, e ha organizzato rapimenti, stragi e il traffico umano di appartenenti alla minoranza religiosa Yazidi nell’Iraq nord occidentale, e si ritiene che gestisca alcune delle operazioni terroristiche globali dell’organizzazione. È uno dei probabili successori del comandante di ISIS Abu Bakr al-Baghdadi.

(Testo integrale »)

Reti di rapimenti di ISIS

Il programma del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti “Rewards for justice” (ricompense per la giustizia) sta offrendo una ricompensa di fino a 5 milioni di dollari per informazioni sulle reti di rapimenti di ISIS o sui responsabili dei rapimenti dei religiosi Maher Mahfouz, Michael Kayyal, Gregorios Ibrahim, Bolous Yazigi e Paolo Dall’Oglio. Tali ricompense sono offerte in un momento importante nella nostra lotta contro ISIS. Il rapimento dei religiosi dimostra le tattiche crudeli di ISIS e il fatto che prendono di mira persone innocenti.

Il 9 febbraio 2013, il sacerdote greco ortodosso Maher Mahfouz e il prete armeno cattolico Michael Kayyal si trovavano su un bus di linea diretti a un monastero a Kafrun in Siria. A circa 30 chilometri da Aleppo, presunti estremisti appartenenti a ISIS hanno fermato il veicolo, controllato i documenti e fatto scendere i due sacerdoti dall’autobus. Da quel momento non si hanno loro notizie.

(Testo integrale »)

Salman Raoul Salman

Ricompensa fino a 7 milioni di dollari USA

Salman Raoul Salman dirige e sostiene le attività terroristiche di Hezbollah nell’emisfero occidentale. Personaggio di rilievo nella Organizzazione della sicurezza esterna di Hezbollah (OSE), Salman è coinvolto in attentati in tutto il mondo. La OSE è l’elemento di Hezbollah responsabile della pianificazione, coordinamento ed esecuzione di attentati terroristici al di fuori del Libano. Gli attentati hanno preso di mira soprattutto israeliani e americani.

Tra gli attentati in cui Salman è stato coinvolto, rientra il bombardamento del Centro culturale della Associazione Mutua Israelita Argentina (AMIA). Il 18 luglio 1994, Hezbollah ha fatto detonare un’autobomba improvvisata all’esterno del Centro culturale della Associazione Mutua Israelita Argentina di Buenos Aires, che ha provocato la morte di 85 persone. Si ritiene che Salman sia stato il coordinatore dell’attentato sul luogo.

(Testo integrale »)

La rete finanziaria dell’organizzazione libanese Hezbollah

Il programma Rewards for Justice, offre una ricompensa di fino a 10 milioni di dollari per informazioni che portino al blocco dei meccanismi finanziari della Hezbollah libanese. Gruppi terroristici come Hezbollah, fanno affidamento su reti di finanziamenti e facilitazioni per sostenere le operazioni e lanciare i loro attacchi globali. Hezbollah riceve circa un miliardo di dollari l’anno tramite diretto sostegno dall’Iran, imprese e investimenti internazionali, reti di donatori, attività di corruzione e di riciclaggio di denaro. L’organizzazione usa tali fondi per finanziare le proprie attività criminali in tutto il mondo, compreso: spiegamento dei combattenti della propria milizia in Siria a sostegno della dittatura di Assad; presunte operazioni per condurre attività di ricognizione e ottenere informazioni nel territorio americano; e capacità militari avanzate al punto che Hezbollah sostiene di possedere missili guidati di precisione. Queste operazioni terroristiche sono finanziate tramite la rete internazionale di Hezbollah di sostenitori e attività finanziarie, abilitatori e infrastrutture finanziarie che formano la linfa vitale di Hezbollah.

(Testo integrale »)

Attentati del 2008 a Mumbai

Mumbai, India | 26-29 Novembre 2008

Dal 26 al 29 novembre del 2008, dieci terroristi addestrati dalla organizzazione terroristica pakistana Lashkar-e-Tayyiba (LeT), hanno eseguito una serie di attentati coordinati contro vari obiettivi a Mumbai, India, tra cui agli alberghi Taj Mahal, Oberoi, Leopold Café, alla Nariman (Chabad) House e alla stazione ferroviaria Chhatarapati Shivaji Terminus uccidendo circa 170 persone.

Durante l’assedio, durato tre giorni, vennero uccisi sei cittadini americani: Ben Zion Chroman, Gavriel Holtzberg, Sandeep Jeswani, Alan Scherr, la figlia di quest’ultimo Naomi Scherr, e Aryeh Leibish Teitelbaum.

(Testo integrale »)

Salih al-Aruri

Ricompensa fino a 5 milioni di dollari USA

Nell’ottobre del 2017, Salih Al-Aruri, uno dei fondatori delle Brigate Ezzedin al-Qassam, la frangia militare di Hamas, è stato eletto vicecomandante dell’ufficio politico di Hamas. . Al-Aruri finanzia e dirige le operazioni militari nella Cisgiordania ed è collegato a diversi attentati, rapimenti e dirottamenti. Il 12 giugno 2014 al-Aruri ha rivendicato ad Hamas la responsabilità del rapimento e uccisione di tre ragazzi israeliani nella Cisgiordania, compreso Naftali Fraenkel, che era anche cittadino americano. Ha pubblicamente definito l’omicidio una “operazione eroica.” Nel settembre 2015, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha designato al-Aruri come Terrorista Globale Designato Specificamente (SDGT) ai sensi dell’Executive Order 13224, decisione che ha imposto sanzioni sul suo patrimonio.

(Testo integrale »)

Khalil Yusif Harb

Ricompensa fino a 5 milioni di dollari USA

Khalil Yusif Harb è uno stretto collaboratore del Segretario generale Hassan Nasrallah, comandante del gruppo terroristico libanese Hizballah, ed è stato il collegamento del gruppo con le organizzazioni terroristiche iraniane e palestinesi. Harb ha comandato e supervisionato le operazioni militari dell’organizzazione nei territori palestinesi e in diverse nazioni nel Medio Oriente. Dal 2012 Harb è coinvolto nel trasferimento di grandi somme agli alleati politici di Hizballah in Yemen. Nell’agosto 2013, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha designato Harb come Terrorista Globale Designato Specificamente (SDGT) ai sensi dell’Executive Order 13224.

(Testo integrale »)

Haytham ‘Ali Tabataba’i

Ricompensa fino a 5 milioni di dollari USA

Haytham ‘Ali Tabataba’i è uno dei principali comandanti militari di Hizballah, incaricato delle forze speciali in Siria e Yemen. Le attività di Tabataba’i in Siria e Yemen rientrano in un ampio piano di Hizballah di fornire addestramento, materiale e personale a supporto delle attività di destabilizzazione nella regione. Nell’ottobre 2016, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha designato Harb come Terrorista Globale Designato Specificamente (SDGT) ai sensi dell’Executive Order 13224.

(Testo integrale »)

Qasim al-Rimi

Ricompensa fino a 10 milioni di dollari USA

Qasim al-Rimi era stato nominato emiro di Al-Qaida nella Penisola Arabica (AQAP) nel giugno 2015, dopo aver giurato fedeltà al leader di Al-Qaida Ayman al-Zawahiri e aver invocato nuovi attentati contro gli Stati Uniti. Al-Rimi aveva addestrato terroristi a un campo di al-Qaida in Afghanistan negli anni ‘90 e successivamente era tornato in Yemen, dove era divenuto un comandante militare di AQAP. Venne condannato a cinque anni di reclusione in Yemen nel 2005 per aver complottato l’assassinio dell’ambasciatore USA in Yemen, ma evase nel 2006. Al-Rimi venne collegato all’attacco del settembre 2008 all’ambasciata degli USA a Sana’a che procurò la morte di 10 soldati dello Yemen, quattro civili e sei terroristi. Al-Rimi è anche connesso al tentativo di attacco suicida del dicembre 2009 tentato da Umar Farouq Abdulmutallab con una “mutanda-bomba” a bordo di un aereo di linea diretto negli USA. Nel 2009 il governo dello Yemen lo accusò di gestire un campo di addestramento di al-Qaida nella provincia di Abyan dello Yemen.

(Testo integrale »)

Khalid Saeed al-Batarfi

Ricompensa fino a 5 milioni di dollari USA

Khalid al-Batarfi è un responsabile senior di AQAP nella provincia di Hadramaut nello Yemen ed ex membro del shura di AQAP. Nel 1999 si recò in Afghanistan dove venne addestrato nel campo al-Farouq di al-Qaida. Nel 2001 combatteva a fianco dei talebani contro le forze USA e alleate. Nel 2010 al-Batarfi si aggregò a AQAP nello Yemen, e fu a capo delle truppe AQAP che occuparono la provincia di Abyan e venne nominato emiro della stessa provincia. A seguito dell’uccisione del comandante del AQAP Nasir al-Wuhayashi nel giugno 2016 in un’azione delle truppe USA, emise un comunicato in cui minacciò che al-Qaida avrebbe distrutto l’economia statunitense e attaccato altri interessi statunitensi.

(Testo integrale »)

Abdullah Ahmed Abdullah

Ricompensa fino a 10 milioni di dollari USA

Abdullah è un importante capo di al Qaida nonché membro del consiglio della dirigenza di al Qaida, il “majlis al-shura”. Abdullah è un navigato esperto finanziario, facilitatore e pianificatore operativo di al Qaida.

Abdullah è stato processato e condannato da un gran giurì federale nel novembre 1998 per il suo ruolo nell’attentato del 7 agosto 1998 alle ambasciate degli Stati Uniti a Dar es Salaam, in Tanzania, e Nairobi, in Kenya. I bombardamenti sono costati la morte a 224 civili e hanno ferito altre 5.000 persone.

Negli anni ’90 Abdullah ha addestrato miliziani operativi di al Qaida e membri delle tribù somale che combattevano contro le forze statunitensi a Mogadiscio durante l’Operazione Restore Hope. Dal 1996 al 1998 ha condotto molti campi di addestramento di al Qaida in Afghanistan.

(Testo integrale »)

Sayf al-Adl

Ricompensa fino a 10 milioni di dollari USA

Al-Adl è un importante dirigente di al Qaida membro del consiglio della dirigenza di al Qaida, il “majlis al-shura”. Al-Adl è inoltre a capo del comitato militare di al Qaida.

Al-Adl è stato processato e condannato da un gran giurì federale nel novembre del 1998 per il suo ruolo nell’attentato del 7 agosto 1998 alle ambasciate degli Stati Uniti a Dar es Salaam, in Tanzania, e Nairobi, in Kenya. Gli attentati sono costati la morte a 224 civili e hanno ferito altre 5.000 persone.

E’ stato tenente colonnello nelle Forze Speciali Egiziane fino al suo arresto nel 1987 insieme a centinaia di altri militanti governativi a seguito del tentato omicidio del ministro degli interni egiziano

(Testo integrale »)

Abdul Wali

Ricompensa fino a 3 milioni di dollari USA

Abdul Wali è il comandante del Jamaat ul-Ahrar (JuA) una fazione militante affiliata al Tehrik-e-Taliban del Pakistan (TTP). Si ritiene che operi dalle province del Nangarhar e Kunar in Pakistan.

Sotto il comando di Wali, la JuA è divenuta una delle reti del TTP più operative nella provincia del Punjab e ha rivendicato numerosi attacchi suicidi e altri attentati in tutto il Pakistan.

Nel marzo 2016 il JuA ha eseguito un attentato suicida a un parco pubblico a Lahore, in Pakistan che ha ucciso 75 persone e provocato 340 feriti.

(Testo integrale »)

Mangal Bagh

Ricompensa fino a 3 milioni di dollari USA

Mangal Bagh è il leader di Lashkar-e-Islam, una fazione militante affiliata con il Tehrik-e-Taliban del Pakistan (TTP).Il suo gruppo ottiene proventi dal traffico di stupefacenti, contrabbando, rapimenti, assalti a convogli NATO e pedaggi sui transiti tra il Pakistan e l’Afghanistan.

Bagh è alla guida di Lashkar-e-Islam dal 2006 e ha ripetutamente cambiato alleanze per proteggere i flussi di redditi illeciti, imponendo una versione estrema del Islam Deobandi nelle aree da lui contriollate dell’Afghanistan orientale e del Pakistan occidentale, particolarmente nella provincia di Nangarhar in Afghanistan.

Nato nel Khyber, in Pakistan, si ritiene che abbia circa 45 anni. Bagh è un membro della tribù Afridi. Ha studiato in una madrasa per diversi anni e quindi ha combattuto in diversi gruppi militanti in Afghanistan.

(Testo integrale »)

Ahlam Ahmad al-Tamimi

Ricompensa fino a 5 milioni di dollari USA

Cittadina giordana, Ahlam Ahmad al-Tamimi, nota anche con lo pseudonimo di “Khalti” e “Halati,” è una terrorista già condannata e operativa di HAMAS.

Il 9 agosto 2001, al-Tamimi ha trasportato una bomba e un kamikaze alla affollata pizzeria Sbarro di Gerusalemme, dove l’attentatore ha detonato l’esplosivo provocando la morte di 15 persone, tra cui sette bambini. Due cittadini americani sono morti nell’attentato, la trentunenne Judith Shoshana Greenbaum, un insegnante del New Jersey, al momento incinta, e la quindicenne Malka Chana Roth. Più di 120 persone sono rimaste ferite, fra cui quattro americani. HAMAS ha rivendicato l’attentato.

(Testo integrale »)

Talal Hamiyah

Ricompensa fino a 7 milioni di dollari USA

Talal Hamiyah è il responsabile dell’Organizzazione di Sicurezza Esterna di Hizballah (ESO), che mantiene celle organizzate in tutto il mondo. ESO è l’elemento responsabile per la pianificazione, coordinamento ed esecuzione degli attacchi terroristici al di fuori del Libano. Gli attacchi hanno avuto per oggetto cittadini israeliani e americani.

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha designato Talal Hamiyah il 13 settembre 2012 come Terrorista Speciale Identificato (SDGT) a seguito dell’ordine esecutivo 13224 per aver fornito supporto alle atteività terroristiche di Hizballah nel medio oriente e in tutto il mondo.

(Testo integrale »)

Fuad Shukr

Ricompensa fino a 5 milioni di dollari USA

Fuad Shukr è da molto tempo un consulente senior per gli affair militari del Segretario Generale di Hizballah Hasan Nasrallah. Shukr è il comandante militare delle forze di Hizballah nel Libano meridionale. Presta servizio agli ordini del commando militare più elevato di Hizballah, il Consiglio della Jihad.

Le attività di Shukr per Hizballah durano da trent’anni. È stato molto vicino al defunto comandante di Hizballah Imad Mughniyah. Shukr ha avuto un ruolo centrale nella pianificazione ed esecuzione dell’attentato del 23 ottobre 1983 alla caserma dei marine di Beirut che ha ucciso 241 soldati degli Stati Uniti.

(Testo integrale »)

Muhammad al-Jawlani

Ricompensa fino a 10 milioni di dollari USA

Muhammad al-Jawlani, noto anche con lo pseudonimo di Abu Muhammad al-Golani, o Muhammad al-Julani, è uno dei principali dirigenti dell’organizzazione terrorista Fronte al-Nusra, il ramo siriano di al-Qa’ida. Nell’aprile 2013, al-Jawlani ha giurato fedeltà ad al-Qa’ida e al suo capo Ayman al-Zawahiri. Nel luglio 2016, al-Jawlani esaltava al-Qa’ida e al-Zawahiri in un video online e ha affermato che l’ANF avrebbe cambiato il suo nome a Jabhat Fath Al Sham (“Fronte per la conquista del Levante”). Sotto il comando di al-Jawlani l’ANF ha posto in essere numerosi attacchi terroristici in tutta la Siria, avendo spesso come obiettivo civili. Nell’aprile del 2015, stando a quel che si dice l’ANF ha sequestrato 300 civili curdi presso un posto di blocco in Siria successivamente liberati. Nel giugno del 2015, l’ANF ha rivendicato il massacro di venti residenti nel villaggio druso di Qalb Lawzeh nella provincia siriana di Idlib. (Testo integrale »)

Omicidio di Joel Wesley Shrum

Taizz, Yemen | 18 marzo 2012

Il 18 marzo 2012 il ventinovenne Shrum venne ucciso con colpi di arma da fuoco mentre si recava al lavoro a Taizz, in Yemen, da un terrorista a bordo di una motocicletta che aveva affiancato il suo veicolo. Al momento dell’omicidio, Shrum lavorava come amministratore al International Training and Development Center ed era insegnante di inglese. Viveva in Yemen con la moglie e due figli piccoli. Pochi giorni dopo l’attentato, la organizzazione terroristica al-Qaida nella Penisola Arabica (AQAP) rivendicava l’attentato. Il programma Ricompense per la Giustizia del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, sta offrendo una ricompensa di fino a 5 milioni di dollari a quanti forniscano informazioni che portino all’arresto di quanti hanno commesso, pianificato o facilitato l’omicidio del cittadino americano Joel Shrum. (Testo integrale »)

Abu Bakr al-Baghdadi

Ricompensa fino a 25 milioni di dollari USA

Abu Bakr al-Baghdadi, conosciuto anche con gli pseudonimi di Abu Du’a e Ibrahim ‘Awwad Ibrahim ‘Ali al-Badri, è il principale comandante della organizzazione terroristica chiamata Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (ISIL). La minaccia posta da al-Baghdadi è cresciuta significativamente da quando il Dipartimento di Stato ha nel 2011 annunciato la iniziale ricompensa di dieci milioni di dollari per informazioni che permettano di scoprirlo, arrestarlo o assicurarlo alla giustizia. Nel giugno 2014, ISIL (noto anche come Da’esh) ha preso il controllo di parti della Siria e dell’Iraq, dichiarato la costituzione di un califfato islamico e nominato al-Baghdadi suo califfo. Negli ultimi anni, ISIL ha ottenuto l’adesione di gruppi jihadisti e persone radicalizzate in tutto il mondo, ed è stato ispirazione per attentati negli Stati Uniti. (Testo integrale »)

Gulmurod Khalimov

Ricompensa fino a 3 milioni di dollari USA

L’ex colonnello delle operazioni speciali del Tagikistan, ex comandante di polizia e ex cecchino dell’esercito, Gulmurod Khalimov è un membro e reclutatore dello Stato Islamico dell’Iraq e del levante (ISIL). In precedenza era stato comandante di un’unità paramilitare speciale del ministero degli interni del Tagikistan. Khalimov è apparso in un video di propaganda che conferma che lotta per ISIL e ha incitato pubblicamente a compiere atti di violenza contro gli Americani. (Testo integrale »)

Abu-Muhammad al-Shimali

Ricompensa fino a 5 milioni di dollari USA

Il Comandante anziano dello Stato Islamico dell’Iraq e del Levante, (ISIL) Tirad al-Jarba, conosciuto meglio come Abu-Muhammad al-Shimali, è dal 2005 collegato con l’ISIL, conosciuto anteriormente come al-Qaida in Iraq. Egli opera al momento come funzionario chiave nel Comitato Immigrazione e Logistica di ISIL, ed è responsabile per la facilitazione dei (Testo integrale »)

Traffico in prodotti petroliferi e antichità che finanziano lo Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (ISIL)

Il programma Ricompense per la Giustizia (Rewards for Justice) sta offrendo una ricompensa di fino a 5 milioni di dollari per informazioni che portino a un’effettiva interruzione della vendita di prodotti petroliferi e di antichità da parte, per, per conto o a vantaggio del gruppo terroristico denominato Stato Islamico de (Testo integrale »)